Benvenuto

Diversamente Intelligenti

Sostieni il CEPROS

Vieni a Trovarci

WEBMASTER: Ganymedes
Attualmente Online
Vai alla pagina commenti Continua Continua
  • La Prioritaria curadella casa comune
  • palazzo mazzettiricordi futuri
  • DiversamenteSaggi
  • Ma non èFrancesco
  • Burocraziasostenibile
  • Lavoro e Povertàappunti per una diagnosi
  • Nuova SolidarietàIntegrazione...
  • Abusidi Memoria
  • AstiD'appello
  • bibliotecaora online
  • Diversamente Saggistorie
  • Asti piccola patria degli Ebrei
  • Attraversare il desertoil duro percorso dell'integrazione
  • BullismoAzione Formativa
  • I Lati Oscuriappunti per una diagnosi
  • I Lati Oscuridella Cultura Astigiana
  • Tante Speranzein un segno di matita
  • Burocrazia a portata......di mouse
  • L'Europafa crack
  • Lavoro e Povertàla Diagnosi prosegue (3)
  • Cyber Bullismoma la scuola dov'è ?
  • Lingua MadreTris per il cpia di Asti
  • Diritti Individuali:Il Canone Svizzero
  • Lavoro e Povertàcrisi economica e crisi del lavoro (4°)
  • Glossario MInimo delle Migrazioni
  • Quando l'amore passanon trasformare i propri figli in armi
  • Affari astigianiil credito la crisi e la storia
  • Un festival tira l'altro: ma è davvero ricchezza culturale?
  • Quando l'Amore passaI limiti dell'affido congiunto
  • Venezia i 5 secolidi un ghetto molto speciale
  • Lavoro e povertàil "problema" giovani
  • Quando il condominio diventa solidale
  • La buona scuoladove non si spreca
  • Fare interculturaecco perchè serve ad Asti
  • Diversamente saggiquanto è saggio chi li cura?
  • Lavoro e Povertàtrovare le risposte
  • Dalla Bielorussia per Alfierile ragioni ndi una passione
  • Buone NotizieAsti si prepara alla maturità
  • La Biblioteca è una piazzadove incontrarsi
  • Libri e mercanti in fiera il caso italiano
wow slider by WOWSlider.com v8.7
Iscrizione alla Newsletter
Alimentiamo la fiducia: sconfiggeremo la paura di  Melita Rabbione
Il   nostro   tempo   pare   avvolto   nell’ombra   di   nuove   paure.   Una   paura   che   è   nuovamente   la tonalità   emotiva   individuale   e   collettiva   del   tempo   dell’incertezza.   L’incertezza   attraversa   il nostro   territorio.   Lo   spazio   fisico   in   cui   viviamo,   la   nostra   casa,   la   nostra   mente,   la   stessa comunità.   Ogni   catastrofe   fa   segnare   un   punto   zero.   L’Italia   è   periodicamente   scossa   da terremoti,   ma   anche   da   ricorrenti   esondazioni   di   fiumi   e   torrenti   e   da   alluvioni.   In      pochi   mesi abbiamo   vissuto   la   tragedia   di   una   terra   che   trema:   cumuli   di   macerie   dove   prima      sorgevano case,   chiese,   luoghi   di   ritrovo,   scuole;   e   quella   di   territori   sconvolti   dalla   violenza   delle   acque: smottamenti,   frane   e   allagamenti.   Alla   scienza   si   rivolge   la   speranza   di   una   onnipotenza   che può   salvare   e   che   è   colpevole   se   non   protegge.   Si   accusa   di   non   prevedere   e   di   non   lanciare l’allarme   in   tempo   per   salvarsi.      L’   onnipotenza   presunta   della   scienza   non   permette   di annunciare   giorno   e   ora   di   una   catastrofe.   La   scienza   permette   di   conoscere   le   zone   più   a rischio,   di   costruire   strutture   antisismiche   e   di   mettere   in   sicurezza   gli   edifici   che   non   lo   sono, dovere   evidentemente   disatteso   alla   grande.    

Rivista online del Cepros Asti - Onlus.

Redazione: Palazzo Ottolenghi, C.Vittorio Alfieri, 350, 14100 , Asti.

Reg. Tribunale di Asti n. 1373/14 del 20 Ottobre 2014 Direttore Responsabile Maurizio Scordino