I
I
Inviate
La nazione dei cavoli … propri L’Italia   non   è   una   nazione,   ma   un   agglomerato   di   circa   60   milioni   di   persone   ciascuna   delle quali   si   fa   i   “cavoli   suoi”.   Lo   dico   con   dispiacere   e   rabbia,   constatandolo   ogni   giorno.   Qualche mattina   fa,   infatti,   mi   sono   recata   all’Inps   della   città   in   cui   vivo   dove   ho   trovato      un   usciere   che, con   malagrazia   e   supponenza,   mi   ha   detto   che   per   sbrigare   la   mia   pratica   dovevo   andare   alla Asl.   Nel   frattempo   ho   notato   (non   era   possibile   non   farlo)   l’aiuola   di   fronte   agli   uffici   che,   oltre a   essere   incolta   era   piena   di   sporcizia   di   ogni   tipo.      Arrivata   alla   Asl   sono   stata   accolta   da un’impiegata   la   quale,   con   appena   un   poco   meno   di   malagrazia   rispetto   all'usciere   dell'Inps, mi   ha   detto   che   dovevo   produrre   una   ulteriore   documentazione   e   quindi   attendere   che   la richiesta   fosse   accolta.   Subito   mi   sono   scoraggiata,   ma   poi   ho   deciso   di   far   valere   almeno una   ragione:   cioè   che   segnalassero   ai   dirigenti   il   disservizio.   Io,   infatti,   avevo   telefonato   in precedenza   per   informarmi   su   cosa   servisse   per   sbrigare   la   mia   pratica:   prima   mi   aveva risposto   un   impiegato   che   “non   sapeva”,   poi      mi   ha   passato   una   collega   che   –   evidentemente, visti   i   risultati   -   sapeva   ancora   meno.   Io,   per   fortuna,   posso   muovermi   autonomamente   e quindi   ritornare   con   il   certificato   richiesto,   ma   una   persona   anziana   e   sola?   L’abbandono   e l’incuria   in   cui   sono   lasciate   le   zone   pubbliche,   l’arroganza   e   il   fastidio   che   mostrano   molti (non   tutti,   per   fortuna)   impiegati   pubblici   nei   confronti   degli   utenti   (peraltro   loro   datori   di lavoro),   credo   che   siano   frutto   di   disamore,   prima   di   tutto   verso   sé   stessi.   L’Italia   non   si   ama, gli   Italiani   si   sentono   orfani   di   una   Storia   comune,   di   un’appartenenza,   di   un   senso   d’identità. Siamo   uno   Stato   giovane,   unito   solo   geograficamente   e   fondato   sulla   riunione   (annessione?) di   tanti   piccoli   stati   con   popolazioni   diverse   tra   loro,   e   già   ci   troviamo   disciolti   nell’era   globale: dal   “paese”   al   “mondo”.   Ci   vorrà   tempo,   quindi,   prima   che   si   riesca   ad   acquisire   una   vera, consolidata   identità   nazionale,   e   forse   passeremo   direttamente   all’internazionalità.   Ma,   nel frattempo, perché non possiamo trovare tra noi motivo di autostima e di rispetto reciproco?                              Nadia Mai
Benchmark Email
Powered by Benchmark Email
IO LA PENSO COSI'  I nostri lettori ci scrivono                     

Benvenuto

Diversamente Intelligenti

Sostieni il CEPROS

Vieni a Trovarci

Iscriviti alla Newsletter
WEBMASTER: Ganymedes
Attualmente Online

                                RISO AMARO

    di Gianfranco Monaca                              
redazione.identita@libero.it redazione.identita@libero.it
Inviate i vostri interventi direttamente a:
Leggi in pdf Leggi in pdf Archivio IO LA PENSO COSI’ Archivio IO LA PENSO COSI’ Vai alla Pagina Commenti Vai alla Pagina Commenti

Rivista online del Cepros Asti - Onlus.

Redazione: Palazzo Ottolenghi, C.Vittorio Alfieri, 350, 14100 , Asti.

Reg. Tribunale di Asti n. 1373/14 del 20 Ottobre 2014