Amarcord Natale (atto I) L’identità   è   fatta   anche   dalle   memorie,   e   nessun   periodo   dell’anno   è   come questo   favorevole   a   far   riaffiorare   i   ricordi.    Mi   accade   di   chiedere:   -   Che   cosa   ti ha   portato   Gesù   Bambino?   –   dimenticando   che   oggi   i   doni   li   porta   Babbo   Natale ed   ero   io   che   da   piccola   credevo   che   li   portasse   Gesù   Bambino.   Per   la   verità   mi era   venuto   da   pensare   che   fosse   una   cattiveria   far   fare   ad   un   bambino   appena nato   “al   freddo   e   al   gelo”   la   consegna   dei   regali   ai   bambini   che   se   ne   stavano ben   al   caldo   nei   loro   lettini,   ma   mi   era   stato   insegnato   ad   ascoltare   e   a   non mettere   in   dubbio   le   parole   dei   grandi   e   così   credevo   a   Gesù   Bambino   che portava   i   doni   ai   bambini   buoni.    Ho   smesso   di   crederci   in   seconda   elementare. Ero   andata   a   casa   delle   mie   zie   alcuni   giorni   prima   di   Natale   e   le   avevo   sorprese a   cucire   una   bella   copertina   di   raso   rosa   per   il   lettino   di   una   bambola,   sapendo però    che    mia    sorella    desiderava    proprio    una    cameretta    per    le    bambole. Naturalmente   non   le   dissi   nulla,   anzi   ero   molto   orgogliosa   di   quel   segreto.    Poi   è arrivato   Babbo   Natale,      ma   la   magia   dell’attesa   dei   doni   era   la   stessa,   come   era lo   stesso   molto   imbarazzante   capire   quando   era   il   caso   di   aprire   gli   occhi   ai bambini,      se   non      capivano   da   soli   chi   era   che   portava   loro   i   doni.    Tra   i   ricordi   di quando   insegnavo,   me   ne   è   rimasto   uno   legato   in   particolare   proprio   a   questo: in   una   prima   elementare,   vennero   da   me   due   alunni   e   uno   mi   intimò:   -   Glielo dica,   che   Babbo   Natale   non   esiste!    Ebbi   un’illuminazione   e   chiesi   all’altro:    -   Tu credi   a   Babbo   Natale?    -      .    -   Bene,   per   te   Babbo   Natale   esiste .    Furono   felici: uno   perché   poteva   continuare   a   crederci,   l’altro   perché   avevamo   scambiato   uno sguardo    complice    e        si    sentiva    più    grande    del    compagno,    ma    anche responsabile   della   sua   serenità.     Quei   due   bambini   sono   ancora   oggi   grandi amici.   Rita De Alexandris
Iscrizione alla Newsletter
IO LA PENSO COSI'  I nostri lettori ci scrivono                     

Benvenuto

Diversamente Intelligenti

Sostieni il CEPROS

Vieni a Trovarci

WEBMASTER: Ganymedes
Attualmente Online

                               RISO AMARO

    di Gianfranco Monaca                              
redazione.identita@libero.it redazione.identita@libero.it
Inviate i vostri interventi direttamente a:
Archivio IO LA PENSO COSI’ Archivio IO LA PENSO COSI’ Vai alla pagina commenti
per visionare tutte le vignette spostarsi cliccando sui pulsanti >  >> e <  << per ingrandire la vignetta prescelta  cliccare sulla vignetta stessa 
Leggi in pdf Leggi in pdf

Rivista online del Cepros Asti - Onlus.

Redazione: Palazzo Ottolenghi, C.Vittorio Alfieri, 350, 14100 , Asti.

Reg. Tribunale di Asti n. 1373/14 del 20 Ottobre 2014