Benchmark Email
Powered by Benchmark Email
Serve un contratto tra chi aiuta e chi deve essere aiutato di Caterina Corbascio * Credo   proprio   che   la   proposta   di   Maria   De   Benedetti   per   un   “progetto   uomo”   sia   rivolta   ad   un pubblico   ampio   e   non   soio   agli   insegnanti.   Anche   a   coloro,   intendo,   che   lavorano   nel   campo della   salute   mentale   e   che   hanno   –   non   potrebbe   essere   diversamente   -   un   “progetto   uomo”, nei   confronti   di   coloro   dei   quali   si   occupano.   Maria,   nel   libro,   sviluppa   infatti   molto   bene   un concetto   fondamentale   nell’ambito   psichiatrico:   si   chiede,   cioè,   cosa   sia   in   effetti   l’ Io .   L ’Io    è   ciò che   permette   di   progettare   il   futuro,   quindi   i   giovani;   ma   come,   dove?   Occorre   partire   dal concetto   di   “cittadinità”:   un   neologismo   che   racchiude   in   sé   un   corpus   di   saperi,   doveri, responsabilità.   Un   concetto   che   mi   ha   portata   a   ricordare   il   periodo   in   cui   vennero   chiusi   gli ospedali   psichiatrici.   Uno   dei   problemi   principali   che   si   dovette   affrontare,   infatti,   era   quello   di consentire   ai   pazienti   -   persone   che   avevano   vissuto   anche   per   moltissimi   anni   nei   manicomi - di acquisire le competenze necessarie per accedere al diritto di essere “cittadini”.
*Psichiatra, responsabile della S.O.C. psichiatria Valle Belbo.  

Benvenuto

Diversamente Intelligenti

Sostieni il CEPROS

Vieni a Trovarci

Newsletter
WEBMASTER: Ganymedes
Continua... Continua...
Attualmente Online

Rivista online del Cepros Asti - Onlus.

Redazione: Palazzo Ottolenghi, C.Vittorio Alfieri, 350, 14100 , Asti.

Reg. Tribunale di Asti n. 1373/14 del 20 Ottobre 2014