I
I
Inviate
Il primo   giorno   non   si   scorda   mai! Quando     ero     bambina     a     Ferragosto     le     scuole     apparivano     ancora     molto     lontane,     visto         che      iniziavano       il      primo       ottobre,             e      ricordo       che      l’ultimo       mese       delle    vacanze    estive    non    passava   mai    perché    non    vedevo    l’ora    di    tornare    a    scuola.     Pensare    che    la    mia    carriera    scolastica    era   cominciata     nel     peggiore     dei     modi.     Ero     entrata     in     prima     elementare     alla     scuola     “Baracca”   veramente     felice     e     non     vedevo     l’ora     di     conoscere     questo     nuovo     ambiente.     Ci     accolse     una   “strega”,    cosÌ    me    la    ricordo,    tutta    vestita    di    nero,    urlante    ordini    e    proibizioni:    ‹Non    si    parla!    Non   si     esce     dal     banco!    Silenzio!    Seduti!›.          Intorno     tutto     era     nero:     i    nostri     grembiuli,     i     banchi,     la   cattedra,     le     lavagne.     lo     stomaco     cominciò     a    somatizzare    la    mia    delusione    mista    a    paura.    Il   caffelatte,     che    odiavo    e    che     avevo    dovuto    bere    prima    di    uscire,    fece    il    resto    e    io    non    pensai   nemmeno     di     chiedere     di     andare     in     bagno:     la     maestra     aveva     detto     che     non     dovevamo   muoverci    dal    banco!    Trascorsi    la    mattinata    mortificata,    perché    mi    sembrava    che    tutti    avessero   capito     che     cosa     mi     era     successo     e,     quando     uscii,     dissi    a     mia    madre    che    non    sarei    mai    più   tornata    a    scuola.    Piansi    tutto    il    pomeriggio    e    mi       calmai     solo       quando       la       mamma       mi       disse       che   avrebbe       parlato       lei       alla    maestra.       E      cosÌ       fece.       L’insegnante       quel       mattino       precisò       che     potevamo    chiedere    il    permesso    di    uscire    per    andare    in    bagno    e    la    mattinata    trascorse    senza   problemi.    La    maestra    continuava    però    a    sembrarmi    una    strega    e    fu    un    gran    sollievo    apprendere   che    se    ne    sarebbe    andata    (in    pensione?    In    congedo?    In    aspettativa?)    dopo    due    settimane.    Arrivò   una    supplente    giovane,    gentile,    sorridente,    che    ci    lesse    la    storia    di    Biancaneve    e    i    sette    nani    e   poi    ci     invitò    a     illustrarla.     Ricordo     ancora     la     gioia     che     provai     quando     la     maestra     mi     fece     i   complimenti    per    il    mio    disegno    e    da    quel    giorno    andare    a    scuola    fu    sempre    una    festa!    Auguro   buon    anno    scolastico    ad    alunni,    studenti    e    insegnanti    e    che    la    scuola    sia    per   tutti    loro    un’avventura piena    di   scoperte. Rita    De    Alexandris
Benchmark Email
Powered by Benchmark Email
IO LA PENSO COSI'  I nostri lettori ci scrivono                     

Benvenuto

Diversamente Intelligenti

Sostieni il CEPROS

Vieni a Trovarci

Iscriviti alla Newsletter
WEBMASTER: Ganymedes
Attualmente Online

                                RISO AMARO

    di Gianfranco Monaca                              
redazione.identita@libero.it redazione.identita@libero.it
Inviate i vostri interventi direttamente a:
Archivio IO LA PENSO COSI’ Archivio IO LA PENSO COSI’ Vai alla pagina commenti
per visionare tutte le vignette spostarsi cliccando sui pulsanti >  >> e <  << per ingrandire la vignetta prescelta  cliccare sulla vignetta stessa 
Leggi in pdf Leggi in pdf

Rivista online del Cepros Asti - Onlus.

Redazione: Palazzo Ottolenghi, C.Vittorio Alfieri, 350, 14100 , Asti.

Reg. Tribunale di Asti n. 1373/14 del 20 Ottobre 2014