Quant’era bella la trincea «Perché   la   guerra   è   bella   anche   se   fa   male»   canta   Francesco   De   Gregori.   E   forse   ha ragione.   Leggiamo   ormai,   da   anni,   di   innumerevoli   casi   di   violenza,   femminicidi ,   bullismo, crudeltà   gratuita   sugli   animali.   E   ora   il   caso   di   Alatri:   che   sembra   aver   raggiunto   il   culmine della   ferocia   di   gruppo,   dove   non   solo   le   persone   direttamente   coinvolte,   anche   per   futili motivi,   si   accanivano   contro   la   vittima,   ma,   a   quanto   si   legge,   anche   altri   “passanti”   si sentivano   autorizzati   a   infierire.   Mi   auguro   che   tutti,   ma   proprio   tutti   i   colpevoli   siano condannati    a    pene    esemplari    e    che    le    scontino    adeguatamente,    senza    preoccuparsi troppo   del   supposto   fine   riabilitativo   del   carcere.   In   questo   caso   chiedo   solo   castigo.   Oltre alle   varie   motivazioni   psico-sociologiche   che   spiegano   efficacemente   certi   comportamenti, penso,   tristemente,   che   70   anni   consecutivi   di   pace   in   Occidente   abbiano   pericolosamente compresso   gli   istinti   predatori,   di   aggressività      e   di   prevaricazione   insiti   negli   esseri   umani. Non   sto   facendo   l’apologia   della   guerra,   ma   credo   davvero   che   sei   mesi   di   vita   in   trincea sarebbero   una   cura   efficace   per   le   sempre   più   numerose   teste   calde   che   affliggono   il pianeta. Maria Basso
Iscrizione alla Newsletter
IO LA PENSO COSI'  I nostri lettori ci scrivono                     

Benvenuto

Diversamente Intelligenti

Sostieni il CEPROS

Vieni a Trovarci

WEBMASTER: Ganymedes
Attualmente Online

                                RISO AMARO

    di Gianfranco Monaca                              
redazione.identita@libero.it redazione.identita@libero.it
Inviate i vostri interventi direttamente a:
Archivio IO LA PENSO COSI’ Archivio IO LA PENSO COSI’
per visionare tutte le vignette spostarsi cliccando sui pulsanti >  >> e <  << per ingrandire la vignetta prescelta  cliccare sulla vignetta stessa 
Leggi in PDF Leggi in PDF
Vai alla pagina commenti

Rivista online del Cepros Asti - Onlus.

Redazione: Palazzo Ottolenghi, C.Vittorio Alfieri, 350, 14100 , Asti.

Reg. Tribunale di Asti n. 1373/14 del 20 Ottobre 2014 Direttore Responsabile Maurizio Scordino