Continua Continua

Benvenuto

Diversamente Intelligenti

Sostieni il CEPROS

Vieni a Trovarci

WEBMASTER: Ganymedes
Attualmente Online
  • La prioritaria curadella casa comune
  • palazzo mazzettiricordi futuri
  • DiversamenteSaggi
  • Ma non èFrancesco
  • Burocraziasostenibile
  • Lavoro e Povertàappunti per una diagnosi
  • Nuova SolidarietàIntegrazione...
  • Abusidi Memoria
  • AstiD'appello
  • bibliotecaora online
  • Diversamente Saggistorie
  • Asti piccola patria degli Ebrei
  • Attraversare il desertoil duro percorso dell'integrazione
  • BullismoAzione Formativa
  • I Lati Oscuriappunti per una diagnosi
  • I Lati Oscuridella Cultura Astigiana
  • Tante Speranzein un segno di matita
  • Burocrazia a portata......di mouse
  • L'Europafa crack
  • Lavoro e Povertàla Diagnosi prosegue (3)
  • Cyber Bullismoma la scuola dov'è ?
  • Lingua MadreTris per il cpia di Asti
  • Diritti Individuali:Il Canone Svizzero
  • Lavoro e Povertàcrisi economica e crisi del lavoro (4°)
  • Glossario MInimo delle Migrazioni
  • Quando l'amore passanon trasformare i propri figli in armi
  • Affari astigianiil credito la crisi e la storia
  • Un festival tira l'altro: ma è davvero ricchezza culturale?
  • Quando l'Amore passaI limiti dell'affido congiunto
  • Venezia i 5 secolidi un ghetto molto speciale
  • Lavoro e povertàil "problema" giovani
  • Quando il condominio diventa solidale
  • La buona scuoladove non si spreca
  • Fare interculturaecco perchè serve ad Asti
  • Diversamente saggiquanto è saggio chi li cura?
  • Lavoro e Povertàtrovare le risposte
  • Dalla Bielorussia per Alfierile ragioni ndi una passione
  • Buone NotizieAsti si prepara alla maturità
  • La Biblioteca è una piazzadove incontrarsi
  • Libri e mercanti in fiera il caso italiano
  • Alimentiamo la fiduciasconfiggeremo la paura
  • Pdbci ha lasciato
  • Buon tuttoa tutti
  • Il Salicedell'apprendimento
  • La Memoria serve a non dimenticare.Anche nei giorni succesivi.
  • Il repertorio tristedel nostro malvivere
  • Lavoro e povertài 5 punti fermi (7^ Parte)
  • Un 8 Marzosenza nulla da festeggiare
  • Di male in peggiodi bene in meglio
  • Otto riflessioni sul femminicidio
  • Sommi Pontefici?Meglio buoni pastori
  • PdB e l'Astigianouno sguardo tra storia e memoria
  • Lavoro e povertàun falso ossimoro
  • A.A.A. slancio vitale cercasi
  • Giovani senza missione
  • Esperienzeai margini
  • Lavoro e povertànon dobbiamo rassegnarci
  • Imparare l'italianoa Palazzo Mazzetti
  • Convegno su PdBCompleto
  • Contributi Pubblici al Cepros Asti - Onlus
  • Un ricordo forte e fierocome il Platano
  • L'estateal Marino
  • quando Paolo raccontava favole per adulti
  • Quando Paolo mi disse osa
  • Paolo: un  maestroanche quando taceva
jquery slider by WOWSlider.com v8.7
Iscrizione alla Newsletter
Tutti i contenuti pubblicati su Identità, salvo diverso esplicito avviso, possono essere usati menzionando l’autore e la licenza, ma solo a scopi non commerciali e solo in originale
                                                                                                                                                            22/05/2018                                      
Vai alla pagina commenti

Rivista online del Cepros Asti - Onlus.

Redazione: Palazzo Ottolenghi, C.Vittorio Alfieri, 350, 14100 , Asti.

Reg. Tribunale di Asti n. 1373/14 del 20 Ottobre 2014 Direttore Responsabile Maurizio Scordino
di Nicoletta Fasano
Paolo, maestro di memoria 
Non   è   facile   scrivere   di   Paolo.   Provo   grande   difficoltà   nell’esprimere   quello   che   conservo molto   gelosamente   dentro   di   me   perché   fa   parte   della   mia   storia,   della   mia   formazione personale   e   professionale,   perché   ormai   è   parte   integrante   di   quello   che   sono   diventata. Molti   volti   si   accavallano   nei   miei   ricordi,   sorrisi,   sguardi,   parole,   testimonianze   che   nel corso   degli   anni   ho   avuto   la   fortuna   di   incontrare   e   raccogliere.   Tra   questi   non   riesco   a scindere   due   volti,   quelli   di   Paolo   e   di   Enrica   Jona,   in   simbiosi   con   il   volto   di   sua   sorella Elda.   E   a   loro   associo   due   momenti   particolari   della   mia   vita:   è   il   marzo   del   1993.   Avevamo   allestito    una    mostra    di    documenti    e    fotografie    provenienti    dalla    “Fondazione   Auschwitz” di   Bruxelles.   Ogni   mattina   c’era   un   intenso   via   vai   di   scuole   provenienti   da   tutta   la   provincia. E   ogni   mattina,   misurando   le   parole   e   cercando   di   sfruttare   al   meglio   quelle   due   ore, cercavamo    di    offrire    ai    ragazzi    gli    strumenti    per    capire    cosa    fosse    stato    il    sistema concentrazionario nazista e lo sterminio degli Ebrei d’Europa.