Il Paese degli abusi e dei favori Forse   sono   sfortunata   io   che   mi   imbatto   sempre   in   situazioni   negative,   o   è   il   mio   sguardo sul   mondo   che   vede   le   cose   distorte,   o,   più   realisticamente,   è   questo   Paese   che   ha bisogno   di   essere   riformato   drasticamente.   Ho   un   amico   che   vive   fuori   regione   ed   era   fino a   poche   settimane   fa   in   ospedale.   Ha   95   anni,   una   moglie   anziana   a   sua   volta   e   non hanno   figli.   Doveva   essere   dimesso   perché   ormai   la   degenza   era   ormai   inutile   e   c’era bisogno   del   suo   posto   letto.   La   moglie,   preoccupata   di   dover   gestire   la   situazione   da   sola, ha    chiesto    di    poter    accedere    all’assistenza    domiciliare,    ma    le    è    stato    risposto    con malagrazia   che   «la   Asl   non   fornisce   il   servizio».   Allora   ha   telefonato   a   una   nipote   che   fa   il medico,   la   quale   è   subito   intervenuta   ottenendo   che   l’assistenza   fosse   erogata,   insieme alle   scuse   del   personale.   E’   proprio   l’Italia   che   si   regge   sul   favore   o   sul   timore,   ma   in   cui non   si   è   mai   certi   del   proprio   buon   diritto.   Già   che   ci   sono   mi   sfogo   sino   in   fondo:   tornando in   pullman   dall’ospedale   dove   ero   andata   a   trovare   il   mio   amico,   durante   il   tragitto   di   circa venti   minuti,   ho   contato   almeno   una   ventina   di   persone   che   sono   salite   senza   obliterare   il biglietto.   Essendo   in   piedi   vicino   al   conducente,   ho   chiesto   se   fossero   tutti   titolari   di abbonamento.   «No   -   mi   ha   risposto   -   sono   tutti   viaggiatori   abusivi   sicuri   dell’impunità.   Con   i soldi   dei   biglietti   di   tutti   quelli   che   non   pagano   -   ha   proseguito   il   conducente   –   forse   si potrebbe    assumere    un    bigliettaio    per    ogni    vettura.    Oppure,    se    ci    fosse    la    volontà    - concluso   sconsolato   -   basterebbe   installare   dei   tornelli   che   si   aprissero   solo   obliterando». Troppo   semplice   o   troppo   lavoro   per   chi   dirige,   aggiungo   io:   meglio   tollerare   gli   abusi   e negare il diritto, quando c’è. Lettera firmata
Iscrizione alla Newsletter
IO LA PENSO COSI'  I nostri lettori ci scrivono                     

Benvenuto

Diversamente Intelligenti

Sostieni il CEPROS

Vieni a Trovarci

WEBMASTER: Ganymedes
Attualmente Online

                                RISO AMARO

    di Gianfranco Monaca                              
redazione.identita@libero.it redazione.identita@libero.it
Inviate i vostri interventi direttamente a:
Archivio IO LA PENSO COSI’ Archivio IO LA PENSO COSI’ Vai alla pagina commenti
per visionare tutte le vignette spostarsi cliccando sui pulsanti >  >> e <  << per ingrandire la vignetta prescelta  cliccare sulla vignetta stessa 
Leggi in PDF Leggi in PDF

Rivista online del Cepros Asti - Onlus.

Redazione: Palazzo Ottolenghi, C.Vittorio Alfieri, 350, 14100 , Asti.

Reg. Tribunale di Asti n. 1373/14 del 20 Ottobre 2014