A ddà tornà, Baffone  … L’altro   giorno   mi   è   capitato   tra   le   mani   un   vecchio   libro,   dei   tanti   scritti   dal   grande   Giovanni Guareschi   con   protagonisti   don   Camillo   e   Peppone.   Bella,   gustosa   e,   direi,   affettuosa   saga paesana    che    vede    contrapposti    il    sindaco    comunista    e    il    parroco,    naturalmente democristiano.   Aggiungo   che,   secondo   me,   è   forse   l’unico   caso   in   cui   il   cinema   non   ha tradito   lo   spirito   e   le   atmosfere   del   libro:   leggendo   il   libro   si   rivede   il   film   e   viceversa.   Si   usa dire   che   l’Italia   è   il   Paese   di   Peppone   e   don   Camillo   con   riferimento   alla   “cronicamente acuta”   divisione   degli   Italiani   in   ogni   campo:   interisti-milanisti,   monarchici-repubblicani, vegani-carnivori,   fascisti-antifascisti,   Si-No.   Ma   siamo   davvero   ancora   il   Paese   di   Peppone e    don    Camillo?    I    due    “nemici-amici”    potevano    suonarsele    di    santa    ragione,    ma    non perdevano   mai   la   stima   e   il   rispetto   reciproci.   Personaggi   rudi   di   un’Italia   povera,   ma ancora   in   gran   parte   onesta   e   che   aveva   un   futuro   da   progettare.   E   invece   siamo   diventati fintamente   ricchi,   scambiando   –   per   dirla   con   De   Gregori   –   “il   diritto   per      il   favore”   e   siamo finiti   nella   palude   del   malaffare,   del   malcostume   e   della   “mal-dicenza”.   L’avversario   è diventato    un    nemico    non    solo    da    abbattere,    ma    possibilmente    da    straziare.    Potendo ricominciare   con   l’esperienza   degli   errori   commessi,   sapremmo   fare   meglio?   Temo   di   no. Anche   se   il   Cristo   dice   a   don   Camillo:   “don   Camillo,   don   Camillo,   chi   non   ha   fede   nella redenzione degli uomini non ha fede in Dio”. Perciò, che Dio ci aiuti! Nadia Mai
Iscrizione alla Newsletter
IO LA PENSO COSI'  I nostri lettori ci scrivono                     

Benvenuto

Diversamente Intelligenti

Sostieni il CEPROS

Vieni a Trovarci

WEBMASTER: Ganymedes
Attualmente Online

                              RISO AMARO

    di Gianfranco Monaca                              
redazione.identita@libero.it redazione.identita@libero.it
Inviate i vostri interventi direttamente a:
Archivio IO LA PENSO COSI’ Archivio IO LA PENSO COSI’ Vai alla pagina commenti
per visionare tutte le vignette spostarsi cliccando sui pulsanti >  >> e <  << per ingrandire la vignetta prescelta  cliccare sulla vignetta stessa 
Leggi in pdf Leggi in pdf

Rivista online del Cepros Asti - Onlus.

Redazione: Palazzo Ottolenghi, C.Vittorio Alfieri, 350, 14100 , Asti.

Reg. Tribunale di Asti n. 1373/14 del 20 Ottobre 2014