Benvenuto

Diversamente Intelligenti

Sostieni il CEPROS

Vieni a Trovarci

WEBMASTER: Ganymedes
Attualmente Online
Vai alla pagina commenti
  • Lavoro e povertàun falso ossimoro
  • palazzo mazzettiricordi futuri
  • DiversamenteSaggi
  • Ma non èFrancesco
  • Burocraziasostenibile
  • Lavoro e Povertàappunti per una diagnosi
  • Nuova SolidarietàIntegrazione...
  • Abusidi Memoria
  • AstiD'appello
  • bibliotecaora online
  • Diversamente Saggistorie
  • Asti piccola patria degli Ebrei
  • Attraversare il desertoil duro percorso dell'integrazione
  • BullismoAzione Formativa
  • I Lati Oscuriappunti per una diagnosi
  • I Lati Oscuridella Cultura Astigiana
  • Tante Speranzein un segno di matita
  • Burocrazia a portata......di mouse
  • L'Europafa crack
  • Lavoro e Povertàla Diagnosi prosegue (3)
  • Cyber Bullismoma la scuola dov'è ?
  • Lingua MadreTris per il cpia di Asti
  • Diritti Individuali:Il Canone Svizzero
  • Lavoro e Povertàcrisi economica e crisi del lavoro (4°)
  • Glossario MInimo delle Migrazioni
  • Quando l'amore passanon trasformare i propri figli in armi
  • Affari astigianiil credito la crisi e la storia
  • Un festival tira l'altro: ma è davvero ricchezza culturale?
  • Quando l'Amore passaI limiti dell'affido congiunto
  • Venezia i 5 secolidi un ghetto molto speciale
  • Lavoro e povertàil "problema" giovani
  • Quando il condominio diventa solidale
  • La buona scuoladove non si spreca
  • Fare interculturaecco perchè serve ad Asti
  • Diversamente saggiquanto è saggio chi li cura?
  • Lavoro e Povertàtrovare le risposte
  • Dalla Bielorussia per Alfierile ragioni ndi una passione
  • Buone NotizieAsti si prepara alla maturità
  • La Biblioteca è una piazzadove incontrarsi
  • Libri e mercanti in fiera il caso italiano
  • Alimentiamo la fiduciasconfiggeremo la paura
  • Pdbci ha lasciato
  • Buon tuttoa tutti
  • Il Salicedell'apprendimento
  • La Memoria serve a non dimenticare.Anche nei giorni succesivi.
  • Il repertorio tristedel nostro malvivere
  • Lavoro e povertài 5 punti fermi (7^ Parte)
  • Un 8 Marzosenza nulla da festeggiare
  • Di male in peggiodi bene in meglio
  • Otto riflessioni sul femminicidio
  • Sommi Pontefici?Meglio buoni pastori
  • PdB e l'Astigianouno sguardo tra storia e memoria
  • Lavoro e povertàun falso ossimoro
  • A.A.A. slancio vitale cercasi
  • Giovani senza missione
  • Esperienzeai margini
  • Lavoro e povertànon dobbiamo rassegnarci
wowslider by WOWSlider.com v8.7
Iscrizione alla Newsletter
Tutti i contenuti pubblicati su Identità, salvo diverso esplicito avviso, possono essere usati menzionando l’autore e la licenza, ma solo a scopi non commerciali e solo in originale
di Gianfranco Monaca 07/11/2017
Continua Continua
Erasmo che ancor non è dottor

Rivista online del Cepros Asti - Onlus.

Redazione: Palazzo Ottolenghi, C.Vittorio Alfieri, 350, 14100 , Asti.

Reg. Tribunale di Asti n. 1373/14 del 20 Ottobre 2014
La “Riforma” (e la relativa “Controriforma” Tridentina) non é ancora entrata nella post-modernità. Le religiosità istituzionali e le relative scuole di spiritualità legate ciascuna al proprio sistema teologico/dogmatico, faticano a scoprire una spiritualità della pace laicamente concepita, secolarizzata, indipendente dall’ipotesi Dio, tenendo conto del fatto che molti uomini e donne sono di fatto operatori di pace pur senza appartenere ad alcun credo religioso. Erasmo aveva intuito, evangelicamente, che il valore della Pace comprende tutti i valori umani e divini, perciò si rifiutava di schierarsi con uno o con l’altro dei due eserciti belligeranti. «Le spiritualità anateistiche sono lo spazio di mezzo in cui il teismo dialoga liberamente con l’ateismo, a partire da una condizione di ricerca», scrive il sociologo delle religioni Luigi Berzano (“Spiritualità”. Editrice Bibliografica, Milano 2017). La spiritualità della Pace, vissuta come spazio di mezzo aperto alla ricerca, sarebbe la vera riforma di cui l’umanità ha urgente bisogno. Perché la storia celebra Lutero come unico protagonista della Riforma, benché Erasmo sia da Lutero stesso riconosciuto come maestro? «Perché - così Stefan Zweig, nel 1938, alla vigilia del secondo grande disastro mondiale - la cultura politica bene espressa da Machiavelli nel suo Principe , non poteva concepire un mondo che non fosse nettamente distinto in vincitori e vinti, mentre il mondo di Erasmo era quello della trattativa e del dialogo oltre ogni ragionevole speranza». La Chiesa cattolica non ha ancora risolto il proprio conflitto interno a favore di una scelta decisa e inequivocabile per la nonviolenza e, di conseguenza, conserva un atteggiamento ambiguo nei confronti del radicalismo evangelico. Quando non ne può fare a meno come nel caso di Francesco d'Assisi preferisce ricorrere all'eccezionalità delle manifestazioni mistiche. Altra cosa per la giustificazione religiosa della violenza: san Bernardo di Clairvaux è stato dichiarato “dottore della Chiesa” pur avendo dichiarato e scritto che uccidere un infedele è in atto meritorio agli occhi di Cristo.